Nella valigia metto…

Valigia VittoriaChi mi conosce sa che non sono ansiosa e sopratutto che non ho mai avuto l’ansia della partenza, anzi, ero ansiosa di ripartire subito per un nuovo viaggio!

Preparare la valigia è per me, al contrario di mio marito, un gioco da ragazzi: so sempre cosa metterci dentro ed esagero sempre con il beauty case (sono fissata con creme e cremette). La preparo qualche ora prima della partenza seguendo un mio ordine mentale: inizio con metterci dentro prima le cose indispensabili, poi quelle fondamentali infine le cose utili e inutili (per esempio due paia di scarpe con il tacco).

Da quando è nata Vittoria, alias cuoricino, le cose sono cambiate. Inizio a metabolizzare l’idea della sua valigia una settimana prima della partenza. Mi viene l’ansia di dimenticare qualcosa di estrema importanza per lei e per noi ed inizio a riempire il suo trolley, il mio trolley, borse e borsette, di piccoli vestiti rosa, calzini, scarpette e tachipirina in tutti i formati.

Quei vestitini, tanto piccoli quanto numerosi, riempiono anche i miei spazi. Contrariamente a quanto pensavo, con il passare del tempo, questa operazione anziché diventare più semplice si rivela sempre più difficile e delicata. Sugo, erba, terra…cuoricino è diventato più selvaggio ed i cambi devono essere tanti.

Dopo un anno sono riuscita a fare una lista di cose indispensabili e fondamentali da mettere nella sua piccola valigia…purtroppo però non posso più permettermi le mie cose utili e sopratutto le mie scarpe inutili!

xoxo Erica

 

 

 

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *